Un ricco patrimonio culturale

Un ricco patrimonio culturale

La ricchezza architettonica della regione Centro fa eco alla variegata miriade di castelli che la costellano. La regione è nota soprattutto per la Valle della Loira, che rappresenta il sito francese più vasto che sia mai stato inserito nel Patrimonio mondiale dell'UNESCO. Nella zona sorgono città di particolare interesse culturale. Orléans, che fu liberata da Giovanna d'Arco, apre le porte della Valle della Loira. "Orléans è una città da scoprire o da riscoprire, grazie a un centro urbano che nel corso degli anni ha subito un'autentica metamorfosi. Gli appassionati di cultura apprezzeranno il Museo di Belle arti", sottolinea l'albergatore. Tra gli eventi in programma sono ormai imperdibili i festival della Loira e del jazz.

Chartres con la splendida cattedrale, "l'Acropoli della Francia", come amava chiamarla lo scultore Auguste Rodin, rappresenta una meta eccezionale. Considerata la capitale della luce e del profumo, è sicuramente una destinazione da non perdere. Bourges, il capoluogo del Berry, vanta splendide palazzine signorili e ricchi musei. Più a sud, a Le Poinçonnet, nei pressi di Châteauroux, potrete scoprite un territorio disseminato di residenze caratteristiche e camminerete sulle orme della contessa di Chabrillan.

Marc Langmann dirige dal 2006 l'INTER-HOTEL Les Cèdres, struttura a 3 stelle situata a Orléans. E vi presenta la regione Centro.

A ovest sorge invece la città di Tours con splendide stradine medievali, che completa questo incredibile percorso storico. Classificata "città d'arte e di storia", Tours saprà affascinarvi grazie all'architettura dei numerosi monumenti storici. Il soprannome conferitole, ossia "la Piccola Parigi", ne testimonia la ricca eredità architettonica. Proprio come Tours, anche "Blois è costellata di illustri monumenti storici e possiede un ambiente unico", precisa Marc Langmann. Il Castello Reale rappresenta un punto di riferimento in città, in quanto offre un autentico panorama dell'architettura francese attraverso gli anni. Blois vanta anche splendidi edifici ereditati dal Medioevo , come le abitazioni con intelaiatura a graticcio che adornano la cittadina medievale oppure il Palazzo Jacques Cœur. Beaugency è un altro centro ricco di storia: la chiesa di Saint-Etienne, la Maison Médiévale, la torre dell'orologio e la Casa dei Templari sono altrettante mete imperdibili della città.

Situate alle porte della Beauce, le città di Villebarou e Saint-Gervais-la-Forêt offrono un punto di partenza ideale per girovagare nel Loir-et-Cher e scoprire i magnifici castelli di Chambord e Cheverny. Infine, Bourges possiede alcuni siti da non perdere, come la cattedrale di Saint-Etienne, inserita nel Patrimonio dell'UNESCO. Per recuperare le energie, apprezzerete sicuramente le paludi situate nel cuore della città, che comprendono circa 130 ettari di giardini circondati da fiumi e canali.


Una spiccata impronta medievale

Il Centro svela ai visitatori un ricco patrimonio, in cui si coniugano architettura e leggende. Tra castelli medievali, manieri, palazzi rinascimentali e vestigia gallo-romane, ce n'è per tutti i gusti. L'impronta medievale appare particolarmente pronunciata a Montbazon, nei pressi di Tours, che ospita uno dei più antichi torrioni risalenti al Medioevo.

Nelle vicinanze potrete scoprire Chambray-lès-Tours con la chiesa di Saint-Symphorien e Saint-Avertin con il castello di Cangé, costruito su un'antica fortezza. Infine, una sosta a Villandry vi consentirà di visitare il castello eponimo. Dominata dal suo torrione, Montrichard è un'antica cittadina medievale. Oggi ridotta in rovine, la sua roccaforte è classificata tra i monumenti storici.

Al pari di questa città, anche Loches saprà stupirvi grazie alla cittadina reale. "Questo gioiello del Rinascimento francese è considerato uno dei più bei siti fortificati di tutta la Francia", ci confida Marc Langmann.


Un ambiente verdeggiante

La regione Centro vi svela paesaggi naturali di incredibile ricchezza: la Beauce con i terreni agricoli che si estendono a perdita d'occhio, il Perche apprezzato per le profonde foreste, la Sologne con gli stagni discreti… Quanto a Chinon, la città è la tappa viticola per eccellenza della regione.

Questa natura rigogliosa saprà sedurre gli amanti del jogging e della mountain bike grazie all'ambiente verdeggiante. Le rive della Loira, inserite nel Patrimonio mondiale dell'UNESCO, saranno il punto di partenza ideale per le vostre passeggiate. "Gli sportivi possono scoprire la regione costeggiando le rive della Loira in bicicletta", aggiunge Marc Langmann.

Provate a immaginare una distanza di 280 km tra Sully-sur-Loire e Villandry perfettamente allestita per offrirvi piacevoli escursioni a piedi o su due ruote. Le passeggiate nella piccola cittadina di Anet, nei pressi di Dreux, vi invitano poi a scoprire le rive dell'Eure e la ricchezza del patrimonio naturale della regione. Un vasto programma di pianificazione ha già consentito di realizzare 800 km di itinerari segnalati e protetti. Non mancano dunque gli elementi per affascinare gli amanti della natura nell'arco di un soggiorno o di una vacanza nella regione.

"Consiglio questa regione alle persone in cerca di un week-end accessibile all'insegna dell'evasione ad appena un'ora da Parigi. La sua vicinanza ai castelli della Loira è un sicuro punto di forza, che conferisce un autentico potenziale turistico alla regione", conclude Marc Langmann.

Questo sito web utilizza i cookie, che consentono di offrirvi messaggi pubblicitari adeguati ai vostri interessi, assicurando la misurazione dell'audience e la condivisione o il reindirizzamento verso i social network. (Più)
OK

Le piacerà un sacco essere fedele !

In tutta Europa la Carta Accent premia la sua fedeltà nei 550 hotel dei nostri 4 brand.

 

Ricerca prezzi e disponibilità in corso…
Attendere qualche secondo.