Una regione tra natura e patrimonio

Una regione tra natura e patrimonio

Venite a scoprire la prima e più grande regione della Francia! Paesaggi incontaminati e grandi spazi, borghi caratteristici e siti storici, gastronomia conviviale: la regione Midi-Pirenei saprà affascinarvi con le sue numerose carte vincenti.

Dal 1974, Philippe Panis dirige l’INTER-HOTEL Les Peyrières a Olemps, un hotel a 3 stelle nei pressi di Rodez. "In origine, era un caffè gestito dai miei genitori. Ho rilevato l'attività qualche tempo fa. Ho effettuato alcuni lavori per trasformare questo luogo in un hotel-ristorante gradevole e accogliente" spiega Philippe. Innamorato della sua regione che considera "una delle più belle della Francia", gli piace dire che "qui tutto è bello da vedere" e che "ci sono moltissime cose da fare".

Secondo Philippe, "l’Aveyron è un dipartimento sperduto, ma vale la pena visitarlo". Per iniziare, il titolare ci parla di Rodez e della cattedrale di Notre-Dame. Il suo campanile, alto 87 metri, funge da punto di riferimento per coloroche desiderano visitare questa città, antica di 2000 anni. Ci porta poi al museo Soulages di Rodez: "Quando sarà inaugurato, nel 2014, diventerà un sito turistico imperdibile". Vi potrete ammirare le opere del pittore contemporaneo Pierre Soulages.

Un po' più in là, nei pressi di Saint-Affrique, "il Viadotto di Millau è davvero imperdibile" aggiunge Philippe. Costruito a 343 metri (più alto della Torre Eiffel) è il viadotto più alto del mondo. Nel dipartimento di Lot, si trova la città di Cahors, città storica il cui il ponte Valentré è uno dei simboli principali. La cittadina, edificata su una penisola, trabocca di tesori architettonici e giardini. Un circuito permette di scoprire quelli rimasti ancor oggi segreti. Non tralasciate la città di Figeac, considerata uno dei maggiori siti d'interesse francesi. La città di Souillac, invece, vi farà scoprire il suo museo che propone una collezione di bambole e giocattoli meccanici del XIX e XX secolo, unica in Europa. Potrete ammirare a Loubressac, accanto a Rocamadour, una delle più belle vedute sul Lot. Questo borgo si affaccia sulle valli della Dordogna, della Cère e della Bave.

Più a Sud, nel dipartimento di Ariège, non perdete il castello di Foix. Edificato nel XI secolo, fu a lungo la residenza dei conti di Foix. Risalendo verso Nord, appuntamento a Castres. Soprannominata la "Piccola Venezia della Linguadoca", vi scoprirete le case sull’Agoût, emblema della città, ed edificate su cave di pietra che si affacciano direttamente sul fiume dell'Agoût. Furono un tempo le botteghe di tintori, conciatori, ecc… Non lontano, Albi vi invita a scoprire la sua città episcopale, classificata Patrimonio Mondiale dall’UNESCO. La cattedrale di Santa Cecilia, la più grande cattedrale in mattoni del mondo, e il palazzo della Berbie sono due monumenti da non perdere per alcun motivo.

Continuate il percorso verso Tarbes nei pressi di Odos e fate una passeggiata nel parco Massey, parco all'inglese, allestito dal celebre botanico. Infine, gli amanti della natura saranno lieti di sapere che la regione Midi-Pirenei dispone di oltre 600 km di sentieri segnalati. Secondo Philippe, la regione è "ideale per ritrovare l'energia e trascorrere un soggiorno vivificante nella natura".


La città rosa: TOLOSA

La città rosa: TOLOSA

Se desiderate trascorrere un soggiorno nei Midi-Pirenei per scoprirne il patrimonio culturale e scientifico, non perdetevi Tolosa soprannominata "la città rosa". Secondo grande capoluogo del Sud della Francia, dopo Marsiglia, la città ha saputo sviluppare una forma di turismo originale poiché, con la sua industria aerea e aerospaziale, attira una clientela avida di scoperte scientifiche. È un'ottima occasione per visitare i cantieri dell'Airbus A380. La Cité de l'Espace farà la gioia di grandi e piccini. Ma Tolosa possiede ben altri assi nella manica che si scoprono passeggiando per le strade: il Capitole, la Cattedrale di Saint-Sernin, il Pont Neuf, considerato uno dei più bei ponti francesi... La città guascona tramanda la sua identità attraverso i nomi delle sue vie, tutti tradotti in occitano, ma anche i suoi numerosi caffè, luoghi conviviali per eccellenza. Al di fuori del centro urbano, è possibile passeggiare lungo le sponde e il lungofiume della Garonna, oggi classificati Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO.

La città di Labège-Innopole era, come Tolosa, rinomata per la fiorente industria del guado. Le ville e le dimore private in stile rinascimentale, impreziosite da numerose torri che un tempo erano segni distintivi di potenza e di ricchezza, sono le ultime vestigia di questa antica industria.


Un soggiorno sportivo nel Midi-Pirenei

Un soggiorno sportivo nel Midi-Pirenei

Se desiderate trascorrere una vacanza sportiva, la regione Midi-Pirenei vi offre tantissime occasioni, tanto le attività sportive in ambiente naturale sono numerose: kayak, rafting… La discesa delle gole del Tarn in canoa è un modo unico per scoprire il paesaggio circostante. Le passeggiate in famiglia, a cavallo o in bicicletta saranno inoltre l'occasione per vivere al ritmo della regione, ritrovando l'autenticità di un tempo.

La regione, con i suoi numerosi paesaggi, è adatta per le passeggiate, soprattutto gli Alti Pirenei, con il Parco Nazionale dei Pirenei e la regione di Tarbes. Nulla vale una gita in bicicletta sul colle del Larzac o nella valle del Rance, costeggiata da numerosi corsi d'acqua. Potrete inoltre dedicarvi a sport più sotterranei, poiché qui non mancano le grotte e le formazioni geologiche: le grotte di Lacave, nel distretto di Souillac, ne sono un esempio particolarmente spettacolare (il sito è accessibile in trenino).

Non lontano, il parco Préhistologia, la più grande ricostituzione naturale di soggetti preistorici, vi insegnerà molte cose sull'habitat e gli stili di vita degli uomini che vissero qui all'epoca.


Una cucina genuina e variegata

Una cucina genuina e variegata

"Se la gente della regione può sembrare timida di primo acchito, non fidatevi delle apparenze... Una volta fatto il primo passo, sono persone molto conviviali e sincere che vi faranno certamente condividere i sapori genuini della loro terra", spiega Philippe. "Nella mia regione si mangia divinamente", aggiunge poi. Vi si trovano numerose specialità, come il confit d'anatra, l’aligot, il tripoux, il foie gras, il Chassel di Moissac, o per finire le boulet de Montauban, leccornia composta da una nocciola ricoperta di cioccolato. Numerose specialità che potrete in parte "degustare presso il ristorante dell'hotel".

Tra terra e natura, la regione Midi-Pirenei non attende altro che farvi apprezzare le sue innumerevoli attrattive e i tanti sapori. Perché aspettare?

Questo sito web utilizza i cookie, che consentono di offrirvi messaggi pubblicitari adeguati ai vostri interessi, assicurando la misurazione dell'audience e la condivisione o il reindirizzamento verso i social network. (Più)
OK

Le piacerà un sacco essere fedele !

In tutta Europa la Carta Accent premia la sua fedeltà nei 550 hotel dei nostri 4 brand.

 

Ricerca prezzi e disponibilità in corso…
Attendere qualche secondo.